Importazioni dall’Unione Europea

IMPORT-EXPORT

Le merci acquistate da operatori sammarinesi nei Paesi dell'Unione Europea diversi dall’Italia e destinate nella Repubblica di San Marino (ai sensi del Dec del 24.03.1993 nr. 50) devono giungere a San Marino scortate dai documenti doganali di transito comunitario T2 o T2L ed essere presentate immediatamente presso gli spedizionieri autorizzati, per l’espletamento delle formalità doganali di importazione.

Il T2 è un documento informatico emesso da una Dogana che viene definita “Ufficio di partenza” e destinato ad un’altra Dogana definita “Ufficio di destinazione”. Al T2 viene assegnato un numero denominato MRN unico in tutta l’Unione Europea e riconoscibile su tutto il suo territorio.

Gli spedizionieri autorizzati, una volta contattati dall’operatore, intervengono verificando la conformità dei documenti di transito in arrivo, e controllando altresì nel sistema NCTS (New Community Transit System) il flusso in arrivo generato dalla dogana di partenza.

Al flusso generato, verrà attribuito direttamente dal sistema NCTS, un canale o cancello, il quale determinerà il conseguente controllo fisico o documentale delle merce. In caso di controllo fisico delle merci, il controllo verrà effettuato dall’Ufficio Tributario o dalle Guardie di Rocca insieme allo spedizioniere autorizzato.


Dopo avere effettuato i controlli del caso, lo spedizioniere potrà regolarizzare l’introduzione delle merci, consentire all’operatore di disporne liberamente, ed esitare il flusso in arrivo nel sistema NCTS, al fine di perfezionare correttamente l’operazione doganale.